Sapori di fine secolo...
posso andare a guzzare il lapis ?

Lo strumento principale dei primi anni di scuola era il lapis perché per l'inchiostro eravamo troppo piccoli. Solo il lapis con la punta sempre rotta perché le mani erano troppo pesanti abituate com'erano a rugare terra (ce n'era sempre in gran quantità sotto le unghie) e allora sempre a chiedere "signor maestro posso andare a guzzare il lapis" e lui a chiederti come si dice e tu a pensarci e riprendere "a guzzare il lapice" convinto che la parola sbagliata fosse proprio il lapis che era uguale al dialetto, finché ti ritrovavi a dover scrivere un'infinità di volte che la matita, una parola strana che sembrava di essere a scuola in Italia, (e guai a scrivere Itaglia, come quando Giulio e non Giuglio va al mercato a comperare quante mele con i soldi che ha) si tempera e non si guzza.

 
Itaglia...

People shouting at the world over megaphones; Size=240 pixels wide

Home

Sognavo la bicicletta... | Il mondo gira, un po' di qua e un po' di là... | La signora coniglio... | l'odore dei Carandake... | ma quanti paciügh... | aste e bastoni... | gi-enne-apostrofo-eri... | posso andare a guzzare il lapis ?

Full name:
Email address:
Comment: