Programma stagionale

Archivio 2008

2015 | PROGRAMMA 2016 | Archivio 2014 | Archivio 2013 | Archivio 2012 | Archivio 2011 | Archivio 2010 | Archivio 2009 | Archivio 2008 | Archivio 2007 | Archivio 2006 | Archivio 2005 | Archivio 2004 | Archivio 2003

PROGRAMMA STAGIONALE 2008

22 marzo - 26 ottobre 2008

sabato 22 marzo, ore 16°°

APERTURA STAGIONALE

„INATTESA MEMORIA,

STORIE DI VITA

NELLE ALTE CENTOVALLI“

presentazione del libro di Veronica Carmine

sulle testimonianze orali raccolte in alta valle

ore 18°°

INAUGURAZIONE ESPOSIZIONE

Norma Lietha – Hugo Suter

fino al 1° giugno


sabato 12 aprile, ore 16°°

I PERCORSI DELLA MEMORIA“

visita guidata ai recenti interventi architettonici

con l’arch. Urs Plank


venerdì 6 giugno, ore 18°° ESPOSIZIONE
REZA KHATIR - fotografie

fino al 17 agosto


dal 18 luglio al 17 agosto

APERTURA SERALE

venerdì, sabato e domenica fino alle  ore 21


venerdì 22 agosto, ore 20°°

INAUGURAZIONE ESPOSIZIONE

ARTE APPLICATA

fino al 26 ottobre


domenica 14 settembre,  ore 15°° - 18°°

PaneVino

cottura del pane nel forno a legna,

degustazione di vini locali e del Vallese


domenica 26 ottobre,  ore 14°° - 18°°

CHIUSURA STAGIONALE

PORTE APERTE - APERITIVO

hugo suter

norma.lietha

Store.jpg
Store.jpg
Store.jpg
Store.jpg
Store.jpg
Store.jpg
ESPOSIZIONE
ARTE APPLICATA.

La mostra presenta diversi artisti e artigiani legati alla regione: l’associazione Pagliarte d’Onsernone, Viviana Maini con le sue creazioni tessili in feltro, il ceramista Samuel Vogel, l’orefice Miranda Melchioretto, Attilio Wismer con la sua produzione di mobili e accessori e la Xilobis.ch di Mario Bissegger e Stefan Plüss con la loro linea di mobili brevettati con il sistema modulare Bilia.

Reza Khatir: "Al di là del fiume"

Reza Khatir nasce nel luglio del 1951 a Teheran, si trasferisce in Inghilterra per motivi di studio e nel 1976 interrompe gli studi di scienze alimentari al politecnico per dedicarsi completamente alla fotografia. Nel 1977, dopo un soggiorno a Parigi si trasferisce a Locarno e successivamente frequenta una scuola di fotografia a Milano.

Dal 1979 fino ad oggi ha portato avanti una personale ricerca spesso legata alla memoria, ha esposto in gallerie e musei di tutto il mondo, ha pubblicato il proprio lavoro su numerose riviste, libri e cataloghi ed ha vinto diversi premi fotografici internazionali; nel 1985 è stato selezionato da una giuria di curatori e storici dell’arte come uno dei 12 della nuova fotografia Svizzera per la rivista “DU”; nel 1991 ha partecipato all’esposizione “Voir La Suisse Autrement” per festeggiare i 700 anni della Confederazione.

Reza Khatir è conosciuto anche per i suoi lavori eseguiti con la Polaroid  che sono state pubblicati su 3 dei 5 volumi “Selections” della Polaroid International Collection. Nel 2001 il suo lavoro è stato inserito nel volume Photography 7th Edition (libro base di tutti i corsi superiori di fotografia negli Stati uniti), edito da Pearson Education Prentice Hall.

La mostra presenta una serie di lavori inediti realizzati nel corso degli anni e comprende pure una sezione di un suo lavoro in corso di realizzazione dal titolo “Al di là del fiume” che dà il nome all’esposizione.



http://www.khatir.com/

Saranno pure esposti alcuni libri del legatore Pierangelo Storelli - già presidente dell’associazione Amici del Museo e membro di comitato della Fondazione - deceduto lo scorso anno, al quale è dedicata questa esposizione da lui particolarmente voluta

Il Gridone