Angelo Monotti

Home
Inizio percorso
Cortile
Horvat/Jenny
Angelo Monotti
I bambini e la scuola
Spazzacamini
"Amici del Museo"
I peduli
"Le voci"
Ex voto
Sala "granda"
La "Stua"
Campanile
Links
ZOOM...

Angelo Monotti di Cavigliano, nato nel 1835 e morto nel 1915, fu tra i pionieri della fotografia in Ticino, assieme ad Antonio Rossi e Grato Brunel, e sicuramente uno dei primi a realizzare fotografie in esterno.

Questo gli ha permesso in particolare di documentare diversi lavori inerenti la costruzione della strada delle Centovalli e dell'Onsernone.

Gli apparecchi esposti, unitamente a circa 150 fotografie consultabili in archivio, sono stati donati al Museo dalla famiglia di Valentino Marazzi di Cavigliano.

ZOOM...

Angelo Monotti
Di professione falegname-ebanista emigrò a Livorno appena diciottenne dove ebbe modo di avvicinarsi alla fotografia che stava movendo i primi passi.
In poco tempo si familiarizzò con questa nuova tecnica e riuscì ben presto ad aprire un suo studio nel centro di Livorno.
Tornato in patria nel 1874, costruì la sua casa con annesso studio fotografico.
Nella sua "galleria" la gente giungeva dai dintorni per avere il proprio ritratto
per sottolineare gli eventi importanti della vita o semplicemente
per rendere partecipi i parenti emigrati in California.
Purtroppo, poco è rimasto della sua opera, salvo alcune decine di lastre in vetro e campioni di fotografie che forse considerava tra i meno riusciti.
Importante per contro il suo parco macchine nel quale figurano diversi apparecchi di pregio quali alcune macchine di grande formato e un ingranditore alimentato a petrolio.
A sessant'anni aprì un proprio studio a Locarno, in Via in Selva che passò in seguito nelle mani del figlio Valentino il quale continuò la sua opera.


Angelo Monotti (1835-1915) gehört zu den Pionieren der Fotografie im Tessin und war insbesondere einer der ersten, die Aussenaufnahmen machten.

So hat er verschiedene Arbeiten beim Bau der Strassen im Centovalli und im Valle Onsernone bildlich festgehalten.

Die ausgestellten Fotografien sowie die restlichen 150 Aufnahmen, die im Archiv des Museums eingesehen werden können, sind eine Schenkung von Valentino Marazzi aus Cavigliano.

Der am Fuss des Kamins angebrachte Spiegel erlaubt einen Blick ins Kamininnere, das auch vom Dachboden aus zu sehen ist, wo das Thema der Kaminfeger behandelt wird

Torna al sito principale Centovalli Info

Per ulteriori informazioni...